19.5 C
Comune di Massa
sabato 15 Giugno 2024
Segnala a Zazoom - Blog Directory
spot_img

Arte per la forestazione, a Prato area verde di 7.500 metri quadri

PRATO – Arte per la forestazione, a Prato area verde di 7.500 metri quadri.
Il primo albero è stato piantato. Il primo dei 150 alberi di specie diverse tra caducifoglie e sempreverdi. Oltre a 400 arbusti distribuiti su una superficie di 7.500 mq.
L’intervento è stato realizzato con il ricavato di una vendita all’asta benefica di opere d’arte.

Costituiranno il Bosco delle Neofite in via dell’Orsa Minore a Tobbiana, lungo viale Allende. Nell’ambito del progetto ‘Arte per la forestazione promosso dall’associazione Arte Continua in collaborazione con il Comune di Prato.
L’iniziatiPrato va si inserisce infatti nella più ampia strategia di Prato Forest City, che conta varie aree di forestazione in città.
Matteo Biffoni, sindaco di Prato: “Prato è stata scelta tra le 100 città europee e 9 italiane per l’impatto climatico zero entro il 2030, la carbon neutrality . Ed è stata scelta dalla Commissione Europea proprio in virtù delle politiche che ha attuato fin dall’inizio per portare il verde in città e aumentare la qualità della vita proprio attraverso il verde. Concepito non come abbellimento ma come presidio di salute”.
 Alla piantumazione del primo albero  hanno preso parte il sindaco Matteo Biffoni, il vescovo di Prato Giovanni Nerbini, l’assessore all’Urbanistica e ai Lavori pubblici Valerio Barberis, il presidente di Arte Continua Mario Cristiani e il professor Stefano Mancuso, che ha progettato l’intervento insieme a Pnat.
L’associazione ha promosso la vendita all’asta di opere d’arte. E i fondi raccolti consentiranno di creare un’area boschiva, che Stefano Mancuso e PNAT hanno denominato appunto  Il Bosco delle Neofite. Con  150 alberi di specie diverse tra caducifoglie e sempreverdi. Oltre a 400 arbusti distribuiti su una superficie di 7.500 mq. Arricchiti da accessi e percorsi realizzati con materiali naturali e permeabili e da un l’impianto di irrigazione.
Barberis: “Le opere d’arte si trasformeranno in alberi, ma senza scomparire . Un’area verde importante che riqualificherà l’area. Anche perché sorge accanto ad una delle arterie maggiormente trafficate della città”.
Vescovo Nerbini: “Con il Laudate Deum Papa Francesco ci ha esortato a prenderci cura del mondo in cui viviamo e a fare qualcosa contro la crisi climatica  L’iniziativa si pone in questo solco. Per ridare un’anima verde a strade e case: non ci possono essere cambiamenti duraturi senza cambiamenti culturali”.
Un concetto ampliato anche dal presidente di Arte Continua Mario Cristiani, che ha sottolineato la necessità di “dare verde, ossigeno e bellezza a chi ora abita in queste aree, ma pensando anche a chi verrà dopo”.
Il professor Mancuso ha invece spiegato il perchè del nome scelto per il nuovo giardino: “Si chiamerà delle neofite perchè non ci sono piante autoctone, il primo albero è infatti un Ginko Biloba, un albero antichissimo, presente su tutta la Terra da oltre 100 milioni di anni. In questo c’è una scelta precisa, oltre ad essere un augurio, perchè ad esempio anche il cipresso non era in origine una pianta del paesaggio toscano. E’ necessario agire per proteggere e conservare la nostra casa comune, l’unica che abbiamo e l’unica a poter ospitare la vita. In questo l’amministrazione comunale pratese è stata pronta a concretizzare il concetto e da poche altre parti ho visto questa velocità tra il progettare e il fare”.
L’intervento può arrivare ad assorbire fino a 3000 kg di CO2 all’anno e abbattere le polveri sottili provenienti dall’intenso traffico della zona. Offrendo allo stesso tempo agli abitanti del quartiere uno spazio verde di relax a contatto con la natura.
 Campagna di raccolta fondi istituita nel 2022 tramite la messa all’asta di grafiche, serigrafie, litografie e pezzi unici donati da diciassette artisti internazionali. Per Barclay, Massimo Bartolini, Loris Cecchini, Alberto Garutti, Carsten Höller. LABINAC (Maria Thereza Alves e Jimmie Durham), Cildo Meireles, Giovanni Ozzola. Tobias Rehberger, Kiki Smith, Pascale Marthine Tayou, Nari Ward ed Antony Gormley.
Nella stessa occasione sono stati battuti anche le stampe e i cofanetti dei vini realizzati in occasione di Arte x Vino = Acqua. Iniziativa collegata alla campagna ONU indetta per il 2003, anno mondiale dell’acqua. Con la quale l’Associazione è riuscita a donare due milioni di euro garantendo l’accesso all’acqua potabile ad alcune comunità in difficoltà in varie parti del mondo.

—EconomiaCINZIA GORLA

© Riproduzione riservata

spot_img

Notizie correlate

Comune di Massa
cielo sereno
19.5 ° C
19.9 °
14.9 °
78 %
0.9kmh
7 %
Sab
22 °
Dom
23 °
Lun
24 °
Mar
27 °
Mer
29 °

Ultimi articoli

SEGUICI SUI SOCIAL

VIDEO NEWS